IC FOLLONICA 1

news

 

11 Giugno 2021 La Geografia diventa creativa

Gli alunni e le alunne della classe 1 B della scuola secondaria di primo grado Pacioli di via Gorizia hanno conosciuto le Regioni italiane con un innovativo percorso di didattica attiva e cooperativa.

Viaggiare sempre. Anche in tempi di Covid. E conoscere le meraviglie del nostro Paese. Magari usando l’immaginazione e alcune interessanti e innovative tecniche didattiche.

È è stata questa la chiave delle lezioni di Geografia con cui gli alunni e le alunne della classe I B della scuola media “Pacioli” di via Gorizia (Istituto comprensivo Follonica1) hanno affrontato lo studio delle regioni italiane. I ragazzi e le ragazze si sono “trasformati” in agenti di viaggio e, suddivisi in coppie, hanno proposto a compagni e insegnanti itinerari suggestivi fra le bellezze del nostro Paese.

“Questo lungo viaggio – spiegano i docenti della classe – è arrivato al termine. E ha permesso ai nostri ragazzi di conoscere il territorio di molte regioni, scoprendone anche le sfaccettature più inconsuete come i costumi, le tradizioni o i piatti tipici. Nella lezione conclusiva – svoltasi nel cortile della scuola e organizzata dalle docenti Mara Oriolo, Elisa Massano, Alfonsina D’Alessandro, Giuseppina Aquino, Elisa Masetti, con la presenza dell’educatrice Federica – i ragazzi hanno passato in rassegna i loro depliant e condiviso insieme un divertente momento di gioco in cui indovinando la provenienza di un piatto tipico regionale hanno ricostruito il puzzle dell’Italia. Geografia creativa, inclusiva, cooperativa in cui la fantasia e l’immaginazione di ciascuno sono state un prezioso passaporto per tutti”.

https://www.facebook.com/172715509598833/posts/1557845944419109/?sfnsn=scwspwa

9 Giugno 2021 Follonica brilla grazie ai giovani pianisti della scuola media di via Gorizia

Tre ragazzi e tre ragazze della scuola secondaria di primo grado Pacioli (la media di via Gorizia) hanno conquistato i primi posti alla rassegna nazionale pianistica “Città di San Vincenzo”.

Si sono classificati al primo e al secondo posto. Superando in bravura e in preparazione centinaia di coetanei pianisti. Sono tre ragazze e tre ragazzi della scuola secondaria di primo grado “Pacioli” (la media di via Gorizia, Istituto comprensivo Follonica1) che nei giorni scorsi hanno brillato alla rassegna nazionale musicale “Città di San Vincenzo”. Guidati dai loro docenti, i sei giovani pianisti si sono esibiti suonando perfettamente pezzi, anche complessi, della tradizione musicale. “A causa delle restrizioni imposte dalla attuale pandemia – spiegano i docenti di musica della scuola Pacioli – il concorso si è svolto a distanza con video registrati in cui i ragazzi di esibiscono al pianoforte. L’emozione, per noi e per i nostri alunni, è stata comunque fortissima”. I sei campioni sono: Giulia Rombai e Giulio Guidi della classe 1 A (secondi classificati), per la 2 A Elena Niccolai (secondo premio) e Isal Laurini (primo premio), per la 3 A Caterina Bacconi (secondo premio) e Francesco Boffi (primo premio). E non solo. Per Francesco Boffi una menzione speciale: ha infatti ottenuto il punteggio di 98/ 100, praticamente un primo assoluto. Da sempre la musica è uno dei punti di forza dell’Istituto comprensivo Follonica1 e in particolare della scuola media Pacioli. Qui, infatti, è attivo un corso musicale (la sezione A) in cui sono impegnati docenti musicisti apprezzati e stimati a livello nazionale.

 

4 Giugno 2021 La scuola di via Cimarosa partecipa al progetto sulla Cittadinanza Attiva

Il progetto nasce in ambito di Educazione Civica e vede la partecipazione diretta dei bambini nelle scelte che afferiscono ai servizi della scuola.

Lun, 24 Mag, 2021 – Questa mattina le assessore Barbara Catalani e Mirjam Giorgieri hanno fatto visita alla scuola elementare di via Cimarosa dove le bambine e i bambini, tramite i loro due portavoce, hanno presentato il loro sondaggio svolto sulla mensa scolastica. Il progetto, che fa parte dei lavori che si legano alla Cittadinanza Attiva, è nato nell’ambito dell’Educazione Civica, quando nei mesi scorsi il sindaco Andrea Benini e le assessore hanno ascoltato l’esperienza diretta di un’elezione dei rappresentanti di plesso. Da quell’incontro è poi nata la proposta di lavorare a un sondaggio.
Sofia e Leonardo si sono fatti portavoce della scuola, raccogliendo le richieste, le proposte e, qualche volta, anche le lamentele relative al servizio mensa. Tutte le classi della scuola, sia quelle che frequentano il tempo pieno che quello dello spezzato, hanno riempito i questionari. Quello che ne è venuto fuori è un quadro generale di soddisfazione con alcune richieste specifiche: i bambini e le bambine desiderano infatti che nel menù della mensa vengano inserite almeno ogni tanto le lasagne, la pizza e le cotolette.
Il questionario è servito anche ad individuare i gusti: nella scuola di via Cimarosa sono molto amati la pasta al pomodoro, il roast-beef, il pollo e il prosciutto crudo. Ci sono poi alcune note dolenti: «In generale non piace molto la polenta – ha detto Leonardo – e il pesto invernale abbiamo il sospetto che contenga del cavolo lesso». «Questo progetto è stato utile anche per giocare con la matematica – ha spiegato Sofia – perché le maestre in questo modo ci hanno fatto conoscere i concetti di moda, media e mediana e abbiamo potuto lavorare sui grafici».

«Per portare avanti il nostro Patto di Comunità inseriremo i bambini e le bambine nella commissione mensa – ha detto l’assessora Barbara Catalani – Non dobbiamo infatti escludere i protagonisti di questo progetto che sono gli utenti finali del prodotto che viene servito a scuola».

«Il lavoro sulla mensa si lega alla perfezione alla nostra volontà di non sprecare il cibo – ha detto l’assessora Mirjam Giorgieri – Se il cibo non piace va sprecato e quindi fare un menù buono fa bene a tutti».

L’incontro, che si è svolto nel cortile della scuola, si è chiuso con lo slogan “viva la pizza!” urlato in coro da tutti i bambini e le bambine. 

 

4 Giugno 2021 Video, cartelloni e manufatti artistici per ridurre l’uso di plastica

Gli alunni e le alunne delle classi 1 B e 1 C della scuola media di via Gorizia in prima linea per sensibilizzare l’adozione di stili di vita più sostenibili.

Le due classi hanno partecipato al Concorso “Scuola Plastic Free” promosso dalla Regione Toscana

Prima hanno ripulito da bottiglie, tappi di plastica, cartacce e cicche il tratto di spiaggia di fronte alla loro scuola. Poi hanno dato nuova vita a quei rifiuti creando oggetti artistici e piccoli manufatti. Ma non solo. Hanno anche realizzato cartelloni e video per sensibilizzare alla riduzione del consumo di plastica. Sono gli alunni e le alunne delle classi 1 B e 1 C della scuola secondaria di primo grado “Pacioli” di via Gorizia (Istituto comprensivo Follonica1) che, guidati dalle loro docenti di Scienze Claudia Chimenti e Clara Santi, hanno partecipato al Concorso “Scuola Plastic Free” promosso dalla Regione Toscana nell’ambito del progetto Toscana Plastic Free finanziato dal Consiglio regionale e coordinato da Toscana Promozione Turistica Agenzia Regionale (il responsabile del concorso è Vivilitalia e il referente territoriale per la Toscana è Circolo Festambiente di Legambiente).
• All’interno del concorso gli alunni della classe 1B hanno prodotto alcuni cartelloni per incentivare alla riduzione dei rifiuti e hanno realizzato oggetti creativi con materiali di recupero. In classe, hanno riflettuto sulle conseguenze dell’eccessivo utilizzo della plastica nella nostra società, aiutati da alcuni documentari. La classe 1C ha realizzato piccole creazioni artistiche, fra
cui degli originali portachiavi, partendo da materiali di scarto e ha elaborato schede progettuali per un uso più consapevole delle plastiche e per la loro sostituzione con materiali biodegradabili. Tutti i ragazzi si sono inoltre impegnati a pulire il tratto di arenile di fronte alla loro scuola. E non solo. Le due classi hanno anche realizzato video e power point sempre per incentivare a uno stile di vita più corretto e più sostenibile.
“La produzione dei video e dei power point – spiegano i docenti della scuola impegnanti nel progetto – sono stati dei veri lavori di squadra. I ragazzi e le ragazze della I B, di fronte alla
telecamera, hanno ballato e cantato alcune strofe scritte da loro, sempre sul tema della riduzione dei rifiuti. Il video è stato poi montato dalla docente Elisa Massano con l’aiuto degli alunni Valentino e Vittorio che si sono occupati anche delle registrazioni audio. Delle coreografie si sono occupate le insegnanti Alfonsina D’Alessandro e Daniela Carone e della base musicale il professore Giuseppe Maestrini. Il regista di tutto è stato un altro alunno: Alessio. Anche gli allievi e le allieve della 1 C hanno realizzato una presentazione power point in cui
espongono le loro idee e le loro proposte per limitare l’uso delle plastiche e per diminuire la produzione dei rifiuti” 

Ecco il video che ha partecipato al concorso…. buona visione =) https://youtu.be/_FYRUff8Etw

19 Maggio 2021 Un successo lungo vent’anni

Il Trinity College London, la massima autorità per le certificazioni di lingua inglese, ha premiato l’Istituto comprensivo Follonica 1 per gli ottimi traguardi raggiunti dal 2000 ad oggi. 

Vent’anni di eccellenti pratiche didattiche. Vent’anni di impegno e di innovazione continua che si sono tradotti in successi – conquistati anno dopo anno – dagli studenti, dalle studentesse e dai docenti di lingua inglese dell’Istituto comprensivo Follonica 1. E ora è arrivato anche un autorevole riconoscimento. Il Trinity College of London, la massima autorità per le certificazioni di lingua inglese, ha infatti premiato l’istituto Comprensivo Follonica 1 per l’ottima preparazione dimostrata dai ragazzi e dalle ragazze che- dal 2000 ad oggi – hanno sostenuto i vari esami sia scritti, sia orali.
“Il nostro Istituto – spiegano le docenti di lingua inglese del Comprensivo Follonica1 – partecipa alle prove del Trinity College sin dal 2000, il primo anno di attività. Abbiamo sempre creduto nell’importanza dello studio della lingua inglese, soprattutto per scopi comunicativi. Per questo motivo abbiamo sempre cercato di mettere in atto strategie per far appassionare i nostri alunni e le nostre alunne a questa bellissima e importante lingua”.
A causa delle limitazioni imposte dalla attuale emergenza, la cerimonia di premiazione – prevista inizialmente in presenza nella sede del Ministero della Pubblica Istruzione e a cui avrebbe dovuto partecipare la referente del progetto, la professoressa Cattaneo – si è svolta nei giorni scorsi con un incontro on line. Ma non solo. L’Istituto comprensivo Follonica 1 ha ottenuto un riconoscimento speciale per essere riuscito, ad inizio anno scolastico, a garantire tutte le norme di sicurezza facendo così sostenere gli esami in presenza agli studenti, nonostante il periodo pandemico. Un ringraziamento speciale e le congratulazioni da tutto l’Istituto comprensivo Follonica1 alle insegnanti di lingua inglese Lucarelli, Baglioni e Cattaneo (tutte e tre in servizio alla scuola media Pacioli di via Gorizia) per aver curato, preparato e sostenuto i ragazzi e le ragazze, aiutandoli a superare brillantemente gli esami.