IC FOLLONICA 1

Ultimi articoli

19 Febbraio 2021 “Learning by doing” all’IC FOLLONICA1

La didattica, alla scuola IC Follonica1, poggia le proprie basi su esperienza e solide teorie pedagogiche.

“FARE PER IMPARARE” è l’idea che muove il progetto realizzato dagli alunni di 1B della scuola secondaria di I grado “L.Pacioli”. Partendo da un semplicissimo argomento di storia ovvero – I castelli medioevali – le professoresse Oriolo M., D’Alessandro A., Masetti E. e Massano E. hanno saputo creare un contesto educativo inclusivo ed interdisciplinare dove l’apprendimento è avvenuto in modo creativo e collaborativo e gli alunni hanno imparato divertendosi.

15 Febbraio 2021 Esprimersi senza limitazioni.

Alla Scuola Secondaria di I Grado “L. Pacioli” non ci lasciamo scoraggiare dal COVID, ma ci esprimiamo con note, colori e parole!

La prof.ssa Amoroso Lia mostra e commenta i lavori dei propri alunni in tre gallerie virtuali che vi proponiamo qui di seguito:

1_Lavori settembre _dicembre 2020 – corsi ABC

“I ragazzi della scuola Media nel nostro I.C. Comprensivo Follonica1, partendo dalla prima, si specializzano nell’uso della tecnica delle matite, guardando il mondo con occhi diversi e più consapevoli. Si parte da una visione favolistica o semplificata della realtà (come si può vedere dai lavori esposti), per arrivare a cogliere, a percepire i cambiamenti e la mutevolezza di tutto ciò che ci circonda: luce, ombra, colori, forme.
La bellezza insita in tutte le cose non è un dato di fatto ma nasce da un insieme d’imperfezioni e fatalità che la mente di un bambino può cogliere forse anche meglio di un adulto, la cosa importante è guidarla perché ciò avvenga.
Guardando i disegni presenti in questa sequenza si nota come, pur cercando di cogliere le caratteristiche di un semplice oggetto, mano a mano che ci si avvicina alla fine di questo percorso formativo, cioè nelle classi terze, quei semplici oggetti così ostili per ogni studente all’inizio del percorso, vengono pervasi da quell’aura magica che riescono a creare solo coloro che li hanno guardati con occhi amorevoli”. 

2_lavori di natale corsi A B C

“Ogni anno, per la ricorrenza delle festività Natalizie, svolgo in tutte le mie classi, un’attività rivolta a questo periodo così particolare, utilizzando materiali poveri quali carte, cartoncini ecc. oppure riciclati.
Un anno i ragazzi si sono dedicati alla costruzione di oggetti di abbellimento per casa e scuola: ninnoli Natalizi, alberelli di Natale, scarponcini e calze piene di doni, capanne con Bambino, Madonna e San Giuseppe, ecc. da appendere in punti strategici della casa o della scuola, giocando con gli ambienti.
Un altro anno biglietti Natalizi con auguri a parenti, amici e insegnanti, altri anni biglietti pop up, poi è stata la volta dei fiori natalizi da regalare con piccolo biglietto, l’anno scorso invece ogni ragazzo ha realizzato alcuni sacchettini di carta ornati con ghirlande contenente caramelle, cioccolatini ecc…
A causa della Pandemia però, quest’anno non è stato possibile per non contravvenire alla legge che prevede il mantenere una certa distanza, a scapito del contatto con gli altri. Ho pensato così di utilizzare il programma di grafica al computer Gimp, il cui studio ho introdotto già da molti anni nella mia materia. I ragazzi hanno così potuto presentare un loro personalissimo augurio seppure a distanza”.

3_concorso Rotary

“Questo lavoro, svolto in occasione del concorso bandito dal Club Rotary, ha portato i ragazzi della scuola Media “Luca Pacioli” Follonica 1, ad esternare paure e speranze legate a questo difficile momento che non solo l’Italia ma il mondo intero sta’ affrontando.
Il tema del concorso: “Emergenza sanitaria ed economica tra diritti, libertà sospese, solidarietà e interessi comuni: il ruolo delle istituzioni e dei cittadini”, è un tema forte e molto difficile da affrontare ma come si può constatare, i ragazzi ci sono riusciti brillantemente.
Per quanto riguarda la tecnica si va’ dall’uso delle matite colorate a quelle acquerellabili. I lavori sono tutti bellissimi e da questi si evince quell’ingenuità ancora infantile che rende il mondo un Paradiso nonostante tutto”.